Archive for the ‘internet’ Category

h1

The beach (l’ultima spiaggia)

marzo 16, 2009

Oggi non ho molto tempo: il taxi per l’aeroporto arriverà a minuti e stasera si festeggia in Italia! Cosa ci sarà da festeggiare poi… magari ve lo racconto in un altro post quando torno! Sispj, mi fido eh 😀

Quando i sogni si avverano!

Quando i sogni si avverano!

Il nostro veleggiare per i mari di internet ci porta a volte in strane isole… queste isole che spuntano nel mare della banalità nascondono spesso una bellissima… bitch!
Macchè spiaggia e spiaggia, proprio una bitch! Perchè?
Read the rest of this entry ?

h1

Statistiche in Internet

marzo 15, 2009

Avrei una o due cose da dire… ma non c’è niente di personale! (citaz. da Life of Brian)

Sale, sale... e non fa male!

Sale, sale... e non fa male!

Esporsi in Internet con un blog e raccontare di se stessi è una forma di comunicazione. Quando il blog invece esce dalla sfera personale e affronta poi un argomento di attualità o un fatto, cercando di usare un modo alternativo per pensare… insomma meglio che un blog si faccia i ca**i suoi!
Sapete che le statistiche di ieri e di oggi sono le più alte in assoluto! Immagino anche che, almeno i più assidui di voi intuiscano qual è stato il post più gettonato.
Beh, vi dico che avrei preferito fosse un altro, ma siccome il mondo linux domina… (ehhheheh, sispjx)
In realtà non sono le visite, ma i commenti che latitano, a parte i contributi continui di justforfun e qualche insulto… Questo mi fa pensare a queste due scene!
E’ il momento di farla finita con le chiacchere, prima che “arrestino” il blog: mettiamolo ai voti!
Poi contiamo i voti eh!

moveq #0, d0
moveq #0, d1
loop:
move.w (a0)+, d0
add.l d0, d1
dbra d2, loop

eehhhehheheh!

h1

MAESTRO

marzo 14, 2009

Ahhh finalmente posso postare, oggi è stata una giornata intensa di batti e ribatti sui fatti dell’11 settembre.
Vi voglio ricordare che Blogazzo è il blog per quelli a cui non passa un… (insomma chiedete a sispj!)

Lezioni di vita... (cliccate sull'immagine)

Lezioni di vita... (cliccate sull'immagine)

Forse avrete capito dai post precedenti come apprezzi lo humor inglese. Tra i più acuti dispensatori di pensiero tramite la satira (?) c’è il gruppo dei Monty Python, di cui vi rimando ad un assaggio qui.
La satira è uno strumento per diffondere un’idea in maniera sottile! Lo sono anche i numeri e le parole (queste ultime raggiungono anche più facilmente le persone di una equazione). Ma il mezzo sicuramente più conciso per esprimere concetti multipli è un’immagine!
Internet, di per se’ è stupenda: poter esprimere i propri pensieri e le proprie interpretazioni, diffondendole senza dover ricorrere a intermediari è fantastico! Tutti possono leggere, pensare, ideare, ridere, confutare… e prendere spunto per creare il proprio messaggio multimediale.
Attenti però: a volte le immagini sono solo miraggi! Mettete sempre in dubbio tutto, qualcuno vi accuserà di paranoia a parole, ma il dominio delle vostre idee rimarrà vostro!
Solo cercando in continuazione nuove vie, senza sposare idee prefabbricate o ufficiali che siano, ma sforzandosi di essere magari contro corrente o impopolari, si raggiungono traguardi negati ad altri (o negati da altri!)
Insomma: chi segue gli altri non arriverà mai primo!
Buona navigazione!

PS: il punto interrogativo è dovuto al fatto che la satira nasce dopo il voler trasmettere il pensiero!
PPS: geniali!!!

PPPS: imperdibile MAESTRO!!!

h1

Esagerazioni e intolleranza internet

marzo 13, 2009

Non riesco a distaccarmi dal sociale… che sia perchè viviamo tutti a contatto con qualcun altro che pensa e vede le cose in modo diverso da come le vediamo noi? (non mi sto riferendo a rapporti moglie/marito, anche se penso che potrebbe essere un esempio). E mi son lanciato contro Golia…

A volge ci sfuggono i bit...

A volge ci sfuggono i bit...

Se parlassimo solo con in numeri saremmo però delle macchine, e se ci scappasse un bit… GURU MEDITATION (caro vecchio Amiga!!!). Insomma sono andato a caccia del bit mancante e (cari buon google e wikipedia) ho trovato una bellissima Technical library dell’American Institution of Steel Construction.

Sono andato a curiosare su Fire e temperature effects . Direi una serie di interessantissimi articoli che riguardano proprio le discussioni, i calcoli e i commenti sul mio post precedente (poco piú sotto, quello sul debunking… chiaro che sono contro certi giornalisti!).

Ragazzi, qui si entra in un campo delicato: bisogna leggere MOLTO ATTENTAMENTE e capire le differenze tra la temperatura di un incendio (essenzialmente quella dei suoi fumi) e la temperatura dell’acciaio con cui sono costituite le colonne. Read the rest of this entry ?

h1

TV: T come tette, V come voyeur

marzo 9, 2009

Guardare la tv in streaming non vi salva!

Guardare la tv in streaming non vi salva!


In un libro dal titolo 1984 si teorizzava tra il ’48 e il ’49 l’avvento di uno Stato osservatore dei suoi sudditi e pieno di attenzioni verso le loro idee più rivoluzionarie! Se non vi piace leggere, c’è anche la versione condensata per immagini (cercate su imdb). Quanto aveva ragione Giorgio… anche se con un po’ di ritardo, ma applicando la strategia prevenzionista teorizzata: IL GRANDE FRATELLO edizione “maggiorata” è una realtà.
Come non essere attratti dagli argomenti mostrati, dalla dialettica che cerca di accalappiare (o di chi cerca di acchiappare), dalle pagine di cultura bruciate (!) nei dialoghi ardenti? Beh, basta cambiare canale!
Niente di meglio di un bel programma dove si possono osservare panorami di una fertile natura. Vabbeh, sicuramente non vergine, magari pure un po’ artificiale, ma almeno il vostro “nuovo” connettore cerebrale si espande e si sviluppa! [scusate l’auto-citazione, come io scuso la vostra eccitazione]
In un mondo dove cultura assume una nuova dimensione e forma, che al posto di sedersi sui libri, si siede sulle ginocchia dell’amministratore delegato di turno… il c**o diviene la nuova porta di espansione verso la comprensione della nostra società!
Un vero peccato che l’autore citato non abbia anche teorizzato Internet! Dove ognuno individualmente può scegliersi il proprio divertimento personalizzato, e quando non ha le mani impegnate altrove può anche trovare il tempo di cercare e scrivere un’idea sua! Se poi l’idea è ispirata da un bel paio di t**te…

Sapete dove Giorgio trovò la scintilla, probabilmente gustandosi un sano whisky? Nell’isola di Jura. Da non confondersi con quella dei famosi: l’isola di Jura, praticamente sconosciuta ai più, si trova nelle vicinanze della costa ovest in Scozia. Ma per ironia della sorte nemmeno 5°N e 1°W da un’altro curioso parco divertimenti: google terra alle coordinate 50 53.15′, -4 33.2′

PS: prima che vi mettiate nei guai, sono le coordinate della stazione inglese di Echelon.
PPS: spero che dell’immagine sopra appreziate la prosperosità della ragazza!

h1

Sistemi operativi a confronto

marzo 7, 2009

sistemi-operativi-a-confronto

Associare ogni immagine ad un sistema operativo:

1) Linux      2) Windows   3) MacOS

Tra tutti quelli che indovinano, sarà sorteggiata una vacanza premio con a); tutti i partecipanti avranno invece diritto a  passare un pomeriggio con c).

Partecipate numerosi!!!

PS: a chi sbagli intenzionalmente, verranno assegnati entrambi i premi.

h1

Nuovo connettore cerebrale

febbraio 28, 2009

Nuova espansione cerebrale

Nuova espansione cerebrale


Avevo detto che non avrei scritto se non tra tre o quattro giorni, ma la tentazione é forte e conto sulla vostra flessibilità… e sulla mia libertà di pensiero!

Argomento forte, direi, quello del pensiero appunto, in quanto la libertà di per se’ non esiste. Non siamo liberi, infatti: nel momento in cui “rispettiamo” gli altri, automaticamente ci auto-limitiamo. Il vivere civile diviene per definizione, un assioma di fine della libertà (per lo meno quella individuale), a perseguire un beneficio più elevato (???) per la comunità. Ora che l’unione crei un maggiore potere di negoziazione… penso che si possi accettare tale affermazione a occhi chiusi! 

Ecco appunto, gli occhi invece teneteli sempre aperti, che non si sa mai. Ci sono almeno due buone ragioni: 1. per evitare che qualcuno si approfitti troppo del vostro vivere civile; 2. per non lasciarsi sfuggire le eventuali occasioni.

Il pensiero libero che cerco qui di proporre ha poco a che fare con le libertà civili, ma con l’unico organo privo di confini: il cervello! Ma siccome siamo su un blog, allora la sfumatura che voglio rischiare riguarda solo questa pseudo dimensione tra realtà e avatar.

Perchè non metto link nei miei blogpensieri? Ma perchè ognuno è libero di seguire le ricerche e le credenze che preferisce (almeno qui) e di farsi la sua idea, personale che io non cercherò di cambiare ma, eventualmente, di far argomentare. Googlate a più non posso, documentatevi tra mille contraddizioni di blog e video e informazioni e poi… venite pure qui a dirmi che ho sbagliato tutto pubblicando questo post!

Un buon fine settimana,

RobRos

PS: In foto, che non ricordo chi mi invio’ via mail, il nuovo connettore di espansione cerebrale. Avvertenze d’uso: per le donne da’ almeno qualche soddisfazione, per alcuni uomini invece la porta di espansione può rompersi!